Pubblicazioni

N° Documento
6084
Tipo di documento
ARTICOLO
Titolo
Leggi tutti i numeri di 'FMI - FACILITY MANAGEMENT ITALIA' online (dal n. 34/2017)
Sottotitolo
Autore
AA VV
Anno Pubblicazione
Editore
Luogo Edizione
N° Pagine
Parole chiave
rivista, facility management italia, servizi integrati, patrimoni immobiliari e urbani
Abstract
Terotec è il fondatore, promotore e partner scientifico di "FMI - Facility Management Italia", la rivista trimestrale dei servizi integrati per i patrimoni immobiliari e urbani, fondata nel 2007 con l'obiettivo di fondo di fornire a tutti i diversi operatori interessati il primo strumento di divulgazione tecnico-scientifica settoriale nel nostro paese: un "motore di saperi" in un'ottica tanto di "problem setting" quanto di "problem solving". In questa direzione "FMI" intende rappresentare un think tank nazionale di supporto al nuovo mercato dei servizi integrati di Facility Management, orientato tanto sulla individuazione e analisi degli aspetti di innovazione, peculiarità e problematicità che caratterizzano questo mercato, quanto sulla individuazione, presentazione e diffusione di case study e best practice di riferimento metodologico e applicativo. Al centro dell'attenzione sono posti in particolare quei servizi-chiave più rappresentativi del mercato italiano del Facility Management, vale a dire quei servizi maggiormente compenetrati con il funzionamento, la fruizione e la valorizzazione dei beni immobiliari e urbani: i servizi di manutenzione; i servizi di gestione e riqualificazione energetica; i servizi di pulizia e igiene ambientale; i servizi di gestione degli spazi; i servizi di anagrafica informatizzata. Il Comitato Scientifico che indirizza l'orientamento e gestisce i contenuti di "FMI" esprime le competenze di esperti settoriali tra i più riconosciuti e qualificati in ambito nazionale ed europeo, operanti nel mondo della committenza pubblica, dell'imprenditoria, dell'università, della ricerca scientifica e della normazione tecnica.
Link https://www.gsanews.it/categoria/rivista-online-fmi/
N° Documento
6180
Tipo di documento
ARTICOLO
Titolo
Codice degli Appalti, i punti principali da affrontare (secondo gli addetti ai lavori)
Sottotitolo
Criteri di valutazione delle offerte e qualificazione stazioni appaltanti. Sono i due temi su cui gli esperti chiedono maggiore attenzione, rispetto al Codice Appalti, secondo due rapporti usciti nei giorni scorsi
Autore
Weisz Barbara
Anno Pubblicazione
03/12/2018
Editore
Luogo Edizione
N° Pagine
Parole chiave
codice appalti, criteri valutazione offerte gare, qualificazione stazioni appaltanti, libro bianco fpa, mef
Abstract
"Qualificazione stazioni appaltanti e criteri di valutazione delle offerte sono due fra i temi maggiormente dibattuti dagli esperti in base a due diversi report pubblicati negli ultimi giorni: i risultati della consultazione pubblica sul Codice Appalti promossa l’estate scorsa dal ministero delle Infrastrutture, su cui ora sono appunto disponibili tutti i dati, e il Libro Bianco per l’innovazione di FPA. Ci sono poi altri temi rilevanti che emergono, dall’uno o dall’altro dei due documenti, e che spesso si incrociano dando spunti rilevanti: criteri di aggiudicazione, nomina e requisiti del RUP, il responsabile unico del procedimento, monitoraggio costante della spesa, potenziare l’open innovation, favorire il dibattito pubblico, superamento degli istituto di soft law, appalto integrato, rating d’impresa. Vediamo tutto, sottolineando che entrambi i documenti saranno materiale utile per l’esecutivo in sede di revisione (annunciata) dello stesso Codice Appalti. …"

N° Documento

6183
Tipo di documento
LIBRO
Titolo
Consultazione sul Codice dei Contratti
Sottotitolo
Report 2018
Autore
MIT
Anno pubblicazione
2018
Editore
MIT
Luogo Edizione
Roma
N° Pagine
35
Parole chiave
Abstract
"In data 10/09/2018 si è conclusa la consultazione avviata on-line dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Con essa si è voluta garantire la massima partecipazione degli stakeholders al fine di dar vita ad una scelta il più possibile condivisa per la riforma del Codice dei contratti pubblici e, nell’ambito delle sue policies: i) garantire l’efficienza del sistema dei contratti pubblici; ii) procedere alla semplificazione del quadro normativo, assicurandone la chiarezza; iii) eliminare le criticità sul piano normativo e, conseguentemente, sul piano applicativo. Si segnala che i «temi di riflessione» sottoposti a consultazione costituivano altrettanti punti di emersione delle criticità più urgenti rilevate durante la costante opera di monitoraggio effettuata dal Ministero nei primi due anni di vigenza del Codice, ovvero segnalate nel tempo al Ministero da un’ampia platea di stakeholders, tra cui associazioni di categoria, fondazioni di studio e ricerca, liberi professionisti, altre Amministrazioni pubbliche. Gli interventi registrati hanno avuto carattere puntuale, sono stati riferiti allo specifico tema e alla disposizione in consultazione, mettendo in rilievo l’eventuale criticità del quadro normativo vigente e le proposte di modifica. Questo report fornisce la dimensione quantitativa e qualitativa della partecipazione, sia attraverso appositi grafici riepilogativi, sia attraverso schede dedicate a ciascuna tematica. Queste ultime indicano i trend rispetto ai focus tematici predefiniti messi in consultazione. …"